Condivisione

May 8, 2019

 

 

Tratto dal libro: "Io smetto di lamentarmi"

Troppo spesso siamo portati a dire “io condivido qualcosa con qualcuno”, oppure "questa cosa io la divido con te", ma di fatto poi il nostro agire ci porta in tutt’altra direzione, tanto che a volte il nostro condividere ci fa sentire di aver dovuto rinunciare a quel qualcosa o comunque ad una parte di esso. Una prima riflessione può essere fatta sul concetto di Condivisione. Se osserviamo la struttura della parola “Condividere”, essa è composta da due parti: “con” e “dividere”.

Quindi come prima riflessione viene da pensare a quello che una volta diviso torna ad essere riunito. Affinché un qualcosa possa essere riunito occorre che prima si abbia avuto la consapevolezza di quel qualcosa quando era ancora unito, quando rappresentava ancora un intero. Ad esempio in tema di coppie, una frase del tipo “ho trovato l’altra metà della mia mela” pronunciata da entrambi i protagonisti, potrebbe far sorgere una domanda del tipo: “che fine ha fatto l’altra metà di ciascuna mela?”.

La coppia è il primo esperimento duraturo e stabile che noi facciamo di condivisione con qualcun altro. È la “sfida” di amare qualcun altro oltre che noi stessi tanto quanto amiamo noi stessi.

Tutto ciò che succede all’interno della coppia, è basato sul concetto di condivisione e tutto ciò che succede nelle dinamiche di coppia e perché succede o è successo dentro di noi. Dovremmo trascorrere una parte del nostro tempo alla ricerca di quella metà della mela che ci appartiene a cui abbiamo in un certo senso rinunciato, attraverso spesso privazioni e sacrifici. Dopodichè “recuperarla” e riunirla a quella metà della mela prima che venisse divisa. Qualcuno ama definire questa metà della mela nascosta, i sogni e i desideri mai realizzati o irrealizzabili.

 

 

 

Please reload

Ultimi post

Condivisione

May 28, 2019

1/6
Please reload

Archivio Articoli
Please reload

Seguici su
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Google+ Icon
Please reload

Please reload

Categorie Articoli